Pioggia o Sole: come incidono sulle vendite

“Pioggia e sole cambiano la faccia alla persone”, canta De Gregori nella sua “Sempre e per sempre”. Oltre alla “faccia”, il meteo incide anche sui comportamenti d’acquisto dei consumatori. Lo sapevi?

E’ tempo d’Acquisti?

Le condizioni meteorologiche influenzano i consumi e le preferenze degli utenti e, per chi si occupa di pubblicità, comunicazione e marketing, è fondamentale tenerne conto.

Shopping sotto il sole

C’è il sole? Si acquista di più.
E’ noto che l’esposizione solare porti con sé sentimenti positivi, grazie all’aumento, nel nostro organismo, della serotonina. I consumatori sono di buon umore e tendono a voler fare molteplici acquisti e spendere di più. A dirlo sono i ricercatori, tra cui Kyle B. Murray, della School of Business di Alberta (Canada).

Ma non è solo il sole a portare effetti benefici sullo shopping: lo è anche la luce solare artificiale. Ecco allora che, ricreare questa luce all’interno di uno Store, può avere un impatto efficace sulle vendite e sulla user experience. I benefici si riscontrano anche nell’umore e nelle performance dei dipendenti.

Meteo protagonista in pubblicità

Pensiamo alla campagna marketing outdoor di Mc Donald’s della scorsa primavera: per 5 giorni si potevano vedere le previsioni meteorologiche in tempo reale attraverso simboli creati con i prodotti del brand: un hamburger al posto del sole, una pioggia di patatine fritte etc.

Lo stesso ha fatto Ikea che ha giocato con il tempo pazzerello della Gran Bretagna, sfidandolo e spingendo i consumatori a fare acquisti per spazi all’aperto: “Questa previsione era corretta al momento della stampa, ma non dimenticarti che siamo in Gran Bretagna”, si legge in una promo di articoli da giardino del 2016.

Non è mancata un’originale strategia di prezzo: nel 2016 gli ombrelli targati Ikea costavano di più nelle giornate di sole, scontati in quelle di pioggia. Un modo diretto per creare engagement e conversioni al brand.

Ci sono anche campagne basate sulla geolocalizzazione: pubblicità, AdWords, Newsletter, che variano in base a dove vive l’utente. Questo va a toccare anche chi vende online: si potrebbe pensare a determinate strategie di vendita in base al tempo di certe giornate.

Quando parliamo di strategie d’acquisto è allora impossibile non tener conto del meteo e del suo impatto sullo shopping. Le condizioni atmosferiche influenzano le scelte dello shopper e, di conseguenza, il sell out dei retailer.

E’ fondamentale saper sfruttare questi trigger nelle campagne di marketing per fare la differenza e offrire esperienze d’acquisto mirate e uniche.