Facebook Instant Articles: un nuovo modo di fare blog!

facebook-instant-articles-cosa-sono

Vi ricordate che vi avevamo già parlato in un vecchio articolo della nuova funzione “Instant articles” di Facebook?

Ebbene è di pochi giorni fa la notizia che saranno accessibili a tutti (non solo alle redazioni giornalistiche importanti) a partire da aprile!

 

Cosa sono gli Instant Articles?

Gli Instant Articles erano stati all’inizio rilasciati solo per nove pubblicazioni a maggio del 2015, si tratta di un metodo con cui caricare articoli direttamente su Facebook, permettendo alle news di essere più leggibili da mobile, e visivamente anche più piacevoli. Sembra infatti che in questo modo gli utenti stessi siano più propensi a cliccare e a condividere.

Quindi il funzionamento sembra essere davvero semplice ed immediato: chiunque può caricare articoli direttamente su Facebook in pochi secondi, non servirà quindi cercare di fare advertising per guadagnare click, perchè la monetizzazione sarà appunto immediata (o tramite un proprio inserzionista conservando il 100% del guadagno o tramite il sistema Facebook Audience Network, incassando così però solo il 70%).

La velocità nel Mobile è tutto!

In questo modo Facebook migliora l’esperienza di lettura e fruizione da parte della propria community, aumentando il coinvolgimento e il tempo trascorso all’interno del social.

In cambio offre un’esperienza di lettura mobile davvero veloce e facilitata, la velocità al giorno d’oggi è infatti un dato estremamente importante da tenere in conto, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto “mobile”!

La lettura sarà quindi:

1. veloce

2. responsive

3. interattiva

4. semplice

5. immersiva

sono questi i termini con cui lo stesso social network descrive il servizio, facendo promessa (almeno per ora) di lasciare liberi di mantenere il controllo sui dati di traffico e di monetizzazione.

La possibilità di pubblicare aperta a tutti!

Al momento su Instant Articles potete trovare le storie e gli articoli pubblicati da: New York Times, National Geographic, NBC News, The Guardian, BBC, Bild, Slate, Huffington Post, Washington Post etc.. Uno dei problemi principali del programma era proprio quello della remunerazione da parte delle principali testate, che trovavano il sistema troppo rigido e problematico.

Nel post ufficiale rilasciato da Facebook si parla adesso di “publisher” in generale e quindi la possibilità di partecipare a questo programma davvero di tutti! Questo significa che presto (da aprile) potremo permettere a tutti di aprire i nostri articoli/news del blog in pochi secondi da mobile, con la possibilità di affidarci o ad analytics proprietarie oppure di terze parti (ComScore nella fattispecie) che saranno forniti dalla piattaforma stessa. Secondo noi si tratta in ogni caso di un’ottima occasione dal respiro decisamente “democratico”, che consentirà davvero a tutti coloro che producono contenuti online di poter essere avanzati tecnologicamente.

Non ci rimane che attendere aprile per scoprire e testare questa nuova funzionalità! E voi cosa ne pensate?